Cappotto termico con materiali green

Il cappotto termico è una delle soluzioni più richieste per isolare gli appartamenti ed è un intervento fondamentale per evitare le dispersioni termiche risparmiando in bolletta e riducendo danni ambientali. L’applicazione di un cappotto termico esterno consente di risparmiare il 45% in bolletta e 630 kg di CO2 all’anno; dati che vanno assolutamente considerati nella gestione di un appartamento.

L’evoluzione tecnologica ci consente poi di fare attenzione sia alla tipologia di intervento, sia ai materiali di cui sono composti, in modo tale da favorire anche un risparmio nell’elaborazione del progetto e di guadagnare in termini di valore dell’immobile ed effetto visivo. I materiali naturali inoltre consentono di migliorare le performance, garantendo quindi un alto comfort abitativo.

Approfondiremo quindi questo aspetto, prendendo in considerazione tre materiali completamente naturali e a ridotto impatto ambientale.

Cappotto termico in sughero

Applicare un pannello di sughero di un centimetro rappresenta un miglioramento del 25% delle dispersioni termiche. Il materiale è facilmente reperibile e risulta impermeabile, non attaccabile da muffe e roditori e non si deteriora. Resiste al fuoco e garantisce la salubrità dell’abitazione non contenendo componenti compromettenti come la formaldeide e acetaldeide. È inoltre un materiale che resiste nel tempo mantenendo le stesse prestazioni.

Cappotto termico in cellulosa

La cellulosa impiegata per i cappotti termici deriva nella maggior parte dei casi da carta riciclata, che segue un processo di riattivazione in varie tappe. È quindi un’ulteriore soluzione green per l’appartamento e secondo le stime, la fibra di cellulosa consente di risparmiare in bolletta tra il 25/35%, in base al tipo di struttura da isolare. Resiste agli attacchi di parassiti e muffe e per evitare il rischio di incendio si può valutare l’aggiunta di componenti ignifughe, come il sale di boro.

Cappotto termico di lana vergine

La lana vergine è un ottimo isolante termico ed è facilmente applicabile sia in esterno sia in interno. È l’unico materiale di origine animale utilizzato in edilizia.
Si ottiene lavorando il materiale con dei rulli per consentire una perfetta adesione alle pareti. Viene trattata con i sali per evitare attacchi parassitari, è perfetta per evitare condense in casa in quanto assorbe l’umidità ma impedisce l’infiltrazione dell’acqua ed in caso di incendio non crea problemi perché non brucia ma si scioglie autoestinguendosi.