Lezioni di stile: come personalizzare la tua casa

Lo stile di un’abitazione rispecchia sempre la personalità degli inquilini, che desiderano vedere nella propria casa la manifestazione di un desiderio personale che possa poi coccolarli nei momenti in cui la abitano.

Personalizzare la propria casa quindi la rende accogliente e confortevole, ma spesso a deviare gli intenti iniziali concorrono le influenze della moda, che cambiano in maniera molto veloce e non è detto che corrispondano ai nostri gusti. Come restare alla moda senza rinunciare al proprio gusto? Vedremo insieme alcuni aspetti da considerare per essere sempre trendy senza venire meno alle proprie preferenze e vincere così la sfida del tempo!


Puntare sugli evergreen

Sembra quasi un’ovvietà, ma spesso per correre dietro alle mode del momento ci si dimentica degli stili che non smettono mai di piacere e di sorprendere!

Partiamo dal Total White, un colore che è perfetto per esaltare delle abitazioni che non hanno grandi superfici, donando anche una luce maggiore grazie al potere riflettente. Un bianco totale, proprio come dice il nome, non è apprezzato da tutti, anche perché alla lunga potrebbe stancare; se però viene utilizzato sapientemente, regala alla propria casa un aspetto contemporaneo e sempre trendy.

Il bianco è preferibile per la cucina, un ambiente centrale nella casa, che poi nel tempo può essere anche arricchito con tinte colorate nei dettagli, come mensole ed accessori. Altro ambiente adatto al bianco è il bagno, il luogo dei servizi per eccellenza che, con l’utilizzo del bianco, acuisce la sensazione di intimità e anche il concetto di pulizia. Sembra un controsenso, in quanto il bianco si sporca subito, ma se utilizzato in materiali resistenti come il marmo o il legno laccato, è un attimo renderlo di nuovo splendente!

Altro stile sempre attuale è quello classico in legno, scelto principalmente per case in campagna o in periferia, che all’esterno sono spesso caratterizzate da pareti in pietre vive o costruite interamente in legno. Quest’ultimo, escluso il bagno, può essere usato in tutte le stanze, magari scegliendo un tipo di legno diverso a seconda dell’ambiente. Per la camera da letto ad esempio è preferibile un legno più chiaro e leggero; mentre per la cucina si punta alla solidità e alla resistenza.

Arredamento tra vecchio e nuovo

Gli arredi sono la parte più personalizzabile della casa. Ci sono modelli:

  • classici
  • moderni
  • di materiale riciclato
  • colorati.

Per mantenere uno stile sempre al passo coi tempi, vi consigliamo di inserire degli arredi  che non possono mancare.  Ad esempio nel soggiorno un tavolo rotondo, per le amanti del classico, o anche rettangolare che riempie la stanza e dona all’ambiente l’aspetto di un luogo accogliente.

Una casa è poi considerata ben arredata se ci sono degli elementi retrò. I mercatini che vendono questi oggetti sono numerosi, ma consigliamo di guardare tra gli arredi della nonna per avere piacevoli sorprese. Una lampada in vetro o in legno anticato dona agli ambienti un’atmosfera elegante e curata; cosi come una specchiera all’ingresso per accogliere gli ospiti.

L’ambiente più personale resta comunque la camera da letto, che adesso è molto di moda arredare in maniera minimal. Pochi elementi dunque ma ben disposti e colori tenui per agevolare il relax ed il sonno.

Casa Smart

Una parola ormai onnipresente quando si parla di abitazioni è sicuramente l’aggettivo smart. Riferito in generale ad ambienti “intelligenti” è diventato un modo di essere. Una casa smart è:

  • funzionale
  • ricca di possibilità
  • sempre pronta al cambiamento
  • con una buona dose di tecnologia.

Partiamo dalla funzionalità. Al giorno d’oggi si lavora spesso in casa, per questo c’è bisogno di un angolo allestito come un ufficio con scrivania e libreria multicontenitore che diventa all’occasione un mobile d’arredamento. Vi sono poi molti cambiamenti durante l’anno, dovuti a lavoro, spostamenti ed ospiti. La casa deve essere pronta ad adattarsi alle situazioni, come il nostro mondo frenetico ci chiede.

La casa diventa così lo specchio della realtà, che è pronta a cambiare senza rinunciare alla sua essenza. Ad accompagnare tutto questo c’è la tecnologia: si parte dalla cucina, dotata di elettrodomestici Classe A++ a risparmio energetico e di cucine dotate di piani di cottura ad induzione che riducono i rischi per la salute e i consumi. Si prosegue poi con gli impianti. Quello di illuminazione è regolabile a seconda delle attività che si svolgono in casa ed in base alla luce esterna, attraverso delle manopole che sostituiscono le prese; quello di riscaldamento e raffreddamento è a basso consumo e di ultima generazione.

Il segreto per avere una casa smart è essere sempre informato, al passo con i tempi e pronto anche a piccoli investimenti iniziali che poi nel tempo potranno essere ammortizzati attraverso il risparmio sui consumi, favorendo l’ambiente e le proprie tasche.

Tendenze del 2018

Nel 2018 le tendenze sono variegate, ma hanno alcuni comuni denominatori:

  • materiali naturali
  • tecnologie avanzate
  • tanto colore.

L’attenzione per l’ambiente e la natura è un fenomeno che negli ultimi anni è sempre in crescita: hanno sicuramente contribuito all’incremento di questa tendenza gli incentivi statali per rendere le abitazioni ad alte performance energetiche e realizzate con materiali di recupero o biodegradabili.

L’avanzamento tecnologico in ogni settore ha poi contribuito all’abbassamento dei costi e quindi ha consentito una maggiore disponibilità di strumenti ed accessibilità ad impianti di sicurezza avanzati e alla realizzazione di progetti di domotica. Per questo le abitazioni in generale sono diventate più smart, favorendo una diminuzione nei consumi e una maggiore sicurezza da eventi imprevisti come corto circuiti e perdite di gas.

Il terzo elemento da tenere presente è più modaiolo, ossia il colore. La moda parla chiaro: se si sceglie il colore, bisogna osare! Spazio dunque a colori sgargianti o l’ormai celebre viola scelto da pantone come colore dell’anno.

Le case diventano degli arcobaleni con nuance ben mescolate tra loro per ravvivare anche ambienti angusti e piccoli spazi. La necessità del colore infatti deriva anche dal fatto che molto spesso si vive in appartamenti piccoli e in un certo senso anonimi, che sono pensati più per funzionalità che per estetica. Aggiungere quindi del colore non solo rende l’immobile più  confortevole, ma ci consente di personalizzarlo, creando una sorta di effetto wow  ai nostri visitatori.