Ristrutturazione Soggiorno

Ristrutturare il soggiorno: i consigli che fanno la differenza

Ristrutturare il soggiorno è un’operazione che possiamo svolgere in ogni stagione, considerando che è la stanza più vissuta della casa ed il luogo che maggiormente si presta allo svolgimento delle attività casalinghe. Con il proliferare poi dello smart working, in molti casi il soggiorno diventa anche l’ambiente dove ricavare un angolo destinato al lavoro. Si può quindi decidere a seconda delle esigenze, se ristrutturarlo  completamente con interventi strutturali di ampliamento o di divisione oppure agire con dei piccoli cambiamenti per migliorarne il comfort.

Come gestire tuttavia tutte queste funzionalità ed il cambio di stagione? Mediante alcuni pratici consigli che vi aiutano a fare la differenza.

Il punto da cui partire è sicuramente una valutazione oggettiva dell’utilizzo del soggiorno: consideriamo le attività che svolgiamo solitamente in questo ambiente e facciamo una prima ricognizione sulla suddivisione dello spazio, la scelta degli arredi e le preferenze sullo stile. In questo modo ci portiamo avanti in merito alla realizzazione di un intervento di ristrutturazione che possa rendere la zona living accogliente e funzionale.

AMPLIARE GLI SPAZI

Molto di tendenza negli ultimi anni è la creazione di ampi spazi aperti per unire più ambienti, differenti ma collegati, come ad esempio cucina e soggiorno. Questi ambienti sono infatti i principali per la zona giorno, a meno che non abbiate anche un soggiorno dedicato ai pranzi. Unirli potrebbe darvi la possibilità di recuperare lo spazio occupato dalle pareti per creare un unico grande open space. Per farlo basterà eliminare tutti i divisori e creare degli archi di collegamento, uniformando poi la pavimentazione e il colore delle pareti e ridistribuendo lo spazio recuperato a seconda delle vostre necessità.

Se optate per questa scelta, focalizzatevi in maniera professionale sulla scelta dell’illuminazione, perché arredando uno spazio molto grande, bisogna pensare sia alla disposizione delle luci generali sia alla creazione di piccoli angoli illuminati per lo svolgimento di attività specifiche come cucinare, studiare, lavorare e anche rilassarsi con una luce di atmosfera. Il classico impianto che diffonde la luce in tutto l’ambiente potrebbe non basare e creare difformità e disagi nel soggiorno: affidatevi ad un professionista per capire come posizionare al meglio le fonti di luce.

CREARE AMBIENTI SPECIFICI

Nel caso abbiate un soggiorno grande che preferite mantenere separato dalla cucina, potete pensare ad una divisione degli ambienti, mirando ad una maggiore intimità ed evitando che gli odori ed i rumori delle diverse attività svolte in cucina contaminino le stanze dedicate agli ospiti.

In questo caso è necessario lavorare sulla creazione di divisori da adattare a seconda dei gusti personali. Potete optare per una classica parete divisoria oppure creare una vetrata molto scenica che da anche l’impressione di una ambiente più grande. In quest’ultimo caso bisogna però porre maggiore attenzione all’illuminazione perché il vetro, avendo potere riflettente potrebbe creare problemi di corretta luminosità.

Le varie zone del soggiorno invece potete dividerle anche con dei mobili separando ad esempio l’area in cui si accolgono gli ospiti e si svolgono cene e banchetti, con la presenza quindi di un tavolo e di un mobile per cristalleria, con la zona relax caratterizzata solitamente dal divano, piccoli tavoli sui cui poggiare lampade e suppellettili e dalla tv su una parete attrezzata.

STUDIO DEI COLORI

Sappiamo bene che i colori sono molto importanti per caratterizzare una ambiente. Quando i decide per una ristrutturazione del soggiorno quindi è bene pensare subito al colore delle pareti, che andranno sicuramente ritinteggiate e alla scelta di decorazioni per le stesse da abbinare agli arredi.

Le pareti della zona giorno prediligono solitamente dei colori pastello  oppure colori neutri da vivacizzare con suppellettili, quadri o stencil da applicare sul muro. La scelta è logicamente dipendente dallo stile dell’abitazione e dai gusti personali, oltre ad una ricercata personalizzazione degli angoli del soggiorno, combinati alla scelta delle luci.

Se ad esempio vogliamo creare una zona da dedicare al lavoro, alle pareti si possono attaccare delle mensole su cui poggiare libri e documenti, mentre nella zona relax le stesse potrebbero fare da supporto a suppellettili, cornici e fiori. Ecco, una prativa molto trendy è quella di inserire in casa piante e fiori ornamentali. Oltre a dare colore agli ambienti, sono un ottimo espediente per dare movimento e dare l’aspetto di una casa molto accogliente e curata. Una scelta così ecologica deve però essere supportata da un arredamento molto naturale, con mobili in legno e di suppellettili in materiale riciclato o che rimanda alla natura. La pietra naturale o la carta da parati possono completare questa tipologia di arredamento, optando per fantasie originali o disegni che richiamano la natura.

LA LUCE

Abbiamo già citato l’importanza dell’illuminazione nella zona giorno, ora ci focalizziamo sulla centralità della luce naturale. Solitamente il soggiorno è posizionato favorevolmente alla luce, perché si orienta sempre ad est o a sud. Se non avete impedimenti che ostruiscono la luce e potete ristrutturare il vostro soggiorno aggiungendo vetrate, abbaini e finestre, il consiglio è quello di farlo nella maniera migliore.

La luce naturale illumina l’ambiente in maniera diffusa la stanza e genera calore, rendendo il soggiorno un luogo accogliente e ricco. Se avete poi una visuale molto ampia, è davvero imprescindibile creare una vetrata. In questo modo la stanza sarà una vera e propria finestra sul mondo: i vostri ospiti ne saranno entusiasti e a voi garantirà un fenomenale comfort abitativo. Sfruttare appieno la luce naturale inoltre porta anche ad un risparmio energetico, sia nell’elettricità sia nel riscaldamento, perché anche d’inverno si possono guadagnare 1\2 gradi.

A questa ricercata naturalezza della luce va poi abbinato un impianto che venga incontro alla disposizione della camera e al suo stile. Consigliamo quindi di realizzare un’illuminazione che possa essere graduale in modo tale da adattarsi alla luce proveniente dall’esterno senza risultare troppo forte e che poi possa diffondersi in maniera naturale, non creando un divario troppo eccessivo.

Nelle zone invece in cui è richiesta una luce più forte, consigliamo di istallare delle luci ad incasso che proiettano il fascio luminoso direttamente sulla zona interessata o di acquistare delle lampade o piantane per creare zone illuminate che favoriscano ad esempio la lettura o la visione della tv.

To Top